Per una prospettiva strategica di sviluppo della Comunità Nazionale Italiana in Slovenia In evidenza

Per una prospettiva strategica di sviluppo della Comunità Nazionale Italiana in Slovenia.

Quando mi sono accinto a scrivere il Programma Politico per le prossime elezioni parlamentari slovene del 3 giugno 2018, candidandomi al seggio specifico riservato alla Comunità Nazionale Italiana, ho potuto fare affidamento sulle numerose analisi, studi e proposte concrete d’intervento tese al miglioramento e all’implementazione della legislazione in materia di diritti minoritari, che ho compiuto e redatto in tutti questi anni. Tuttavia, nelle settimane scorse ho organizzato una serie di incontri con i Dirigenti e i Responsabili delle nostre Scuole e Istituzioni, ma non solo, per predisporre un programma quanto più puntuale. Ne è uscito un testo molto articolato che ora pubblico integralmente e che contiene, in calce, anche alcuni importanti riferimenti normativi a livello nazionale sloveno e internazionale.

Sono perfettamente cosciente che per realizzare questo ambizioso programma ci vorranno anni e che il raggiungimento o meno di questo obiettivo dipenderà da molteplici fattori. Tuttavia credo sia utile condividerlo pubblicamente, sia per una questione di trasparenza e di correttezza verso i connazionali a cui chiedo fiducia, sia per poter avviare un pubblico dibattito e un confronto su queste problematiche.

Ma la cosa più importante è un’altra.

Per svolgere efficacemente il ruolo di deputato della CNI è necessario avere una chiara visione di sviluppo della nostra Comunità, un progetto strategico di dove vogliamo arrivare e di come ci vogliamo arrivare. Queste sono le mie proposte nell’ottica di ciò che può essere fatto dagli scranni del Parlamento sloveno, perché è questo che il connazionale deve esigere e pretendere dal proprio rappresentante. Tutte le altre questioni aperte e contingenti, di ordinaria quotidianità, altrettanto importanti e stringenti, riguardano altre sfere del nostro agire, quello comunitario, quello locale, quello del come stare uniti, assieme, per una Comunità coesa e protagonista. Questi problemi vanno affrontati e risolti in un altro contesto e in altre occasioni di incontro e pubblico dibattito e confronto, ovviamente per chi il confronto ha la coerenza di affrontarlo a viso aperto!

 
 

 

Sì, accetto i cookie per avere la migliore esperienza possibile su questo sito web.