DIALOGO. TRASPARENZA. UNITARIETÀ In evidenza

DIALOGO. TRASPARENZA. UNITARIETÀ

Ho accettato la proposta di candidarmi che mi ha rivolto un gruppo di cittadine e di cittadini raccolti attorno ad Ondina, una persona che rispetto e stimo, di cui apprezzo le doti di integrità e moralità e i valori cristiani che ne caratterizzano l’esistenza.

La vita è fatta di scelte e di assunzione delle responsabilità che queste scelte comportano, in piena trasparenza e onestà. Ogni persona ha il diritto di scegliere in piena libertà, senza costrizioni di alcun genere.

Il mandato che verrà sarà molto difficile. Serviranno capacità di ascolto, dialogo, coinvolgimento, partecipazione e anche esperienza politica.

Dobbiamo ritornare a fare politica a 360 gradi.

Dobbiamo farlo ascoltando le connazionali e i connazionali in piena trasparenza.

Dobbiamo farlo coinvolgendo nel lavoro parlamentare le nostre Istituzioni: CI, UI, CAN, Scuole, Istituzioni, imprenditori CNI.

La nostra vuole essere la voce di tutti, la voce dell’unitarietà della CNI. La voce del dialogo. La voce della trasparenza.

La voce di unitarietà che dialoga con tutte le forze politiche parlamentari e con quelle a livello locale della nostra bella Istria, una e sola.

È necessario perseguire un obiettivo strategico ed etico fondamentale: si deve operare affinché le leggi e gli atti che riguardano i diritti della CNI e la loro attuazione siano sostenuti e condivisi da tutti i partiti, non devono diventare motivo di divisione o di scontro politico, ma di corale sostegno ad un Comunità Nazionale autoctona fortemente minoritaria nei numeri come la nostra.

Il nostro impegno che assumiamo è quello di operare per il rafforzamento e lo sviluppo della CNI in ogni sua settore, in piena trasparenza, partecipazione e con processi decisionali pubblici che vedano protagoniste la CNI e le sue Istituzioni, associazioni e organizzazioni.

Il nostro primo impegno è quello di operare in favore della CNI: è talmente ovvio che non servirebbe nemmeno affermarlo. Dobbiamo farlo però senza legarci ad un partito, ma dialogando con tutte le forze politiche per farle convergere sulla giustezza delle nostre proposte.

Eventuali accordi post-elettorali saranno discussi e definiti pubblicamente, con i nostri connazionali e le nostre Istituzioni.

La nostra Istria, non avrebbe un deputato in più senza la nostra presenza storica. Questo parlamentare deve essere un vantaggio, un’ulteriore opportunità anche per tutto il territorio. Noi non viviamo in una sfera di vetro: viviamo assieme e con le altre cittadine e cittadini. Lo sviluppo generale del Paese, quello specifico dell’Istria, interessano tutti. Anche noi dobbiamo operare politicamente a livello parlamentare e a livello locale affinché ci sia sviluppo e miglioramenti della qualità della vita per tutti. Il deputato della CNI è una chance in più per il territorio, è un valore aggiunto, è una risorsa. Intendiamo quindi rappresentare a Lubiana gli interessi dell’Istria, dialogando con le realtà locali, in favore della crescita del territorio. Per diventare soggetti propositivi riconosciuti e stimati, sia per la coerenza e correttezza nella difesa, promozione e affermazione dei nostri diritti, sia per la volontà concreta di operare a vantaggio di tutte le cittadine e di tutti i cittadini.

Ringrazio la famiglia Zaro per aver ospitato questo incontro, connazionali che, come altri, con le loro attività produttive e la loro creatività, hanno raggiunto livelli di eccellenza che andrebbero ampiamente valorizzati. Sono un patrimonio per la CNI, per l’Istria, per il Paese e anche per l’Italia.

Ringrazio anche le persone, connazionali e non, che ci stanno spronando a presentare questa candidatura e che stanno esprimendo il loro sostegno.

Ci attendiamo la massima correttezza da parte di tutti i soggetti che a vario titolo giocheranno un ruolo molto importante nelle prossime settimane, dalla gestione degli elenchi elettorali che deve essere trasparente, alla campagna elettorale che deve essere libera da condizionamenti, alle informazioni che devono essere indipendenti.

Oggi è il primo giorno di primavera e vorremo che questo sia un nuovo inizio per la CNI, un punto dal quale ripartire, consci e orgogliosi di avere tutte le potenzialità e risorse umane, per vivere in maniera integrata su questo territorio e raggiungere gli obiettivi che la CNI si è prefissata, assieme alla popolazione di maggioranza, che deve essere consapevole delle esigenze della CNI, dei suoi bisogni, delle sue aspirazioni e ambizioni; consapevole della ricchezza umana, identitaria, culturale e linguistica che la contraddistingue, beni inestimabili per l’intero Paese.

 
 

 

Sì, accetto i cookie per avere la migliore esperienza possibile su questo sito web.